WPT: come allungare la vita dei pacemaker

Martedì 23 Aprile, intorno alle 17.00, su Rai Tre, nell’ambito della trasmissione Geo & Geo, il gruppo di Campi Elettromagnetici, coordinato da Luciano Tarricone, professore straordinario di Campi Elettromagnetici presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione è stato ospite di Marco Castellazzi, che conduce la rubrica GeoScienza.Il prof. Tarricone, Giuseppina Monti (Prof. Incaricato di Antenne e Circuiti a Microonde) e Fabrizio Congedo (Assegnista di Ricerca) hanno presentato un sistema che applica il trasferimento di energia senza fili (wireless power transmission) per l’alimentazione di dispositivi medici impiantabili quali i pacemaker.Ad oggi, i pacemaker utilizzano delle batterie per svolgere le loro funzioni, il che comporta la necessità di sostituirli periodicamente (mediante intervento chirurgico).Con esperimenti in studio è stato illustrato un sistema che consente di trasferire in modalità wireless energia da una sorgente esterna ad un pacemaker.L’esperimento ha dimostrato come la tecnologia sviluppata presso l’EML2 consentirà di eliminare le batterie da dispositivi medici impiantabili, quali i pacemaker, allungandone il tempo di vita e, di conseguenza, diminuendo la frequenza con cui gli utilizzatori di tali dispositivi sono costretti a sottoporsi ad un intervento chirurgico. 

GeoScienza1

(Vai al video)